Notizie

braccio.robotico 200x194Robotica indossabile, esoscheletri riabilitativi, carrozzine Smart per l'inclusione ed invenzioni capaci di rendere il turismo e lo sport accessibili. Tante le soluzioni realizzate da start up, studenti ed istituti di ricerca dedicate alla disabilità, presentate durante la V edizione della Maker Faire Rome, la mostra dell'Innovazione digitale che a dicembre si è svolta presso la Fiera di Roma.

 

Fra le soluzioni proposte nel campo della robotica, quelle del SIRS Lab dell’Università di Siena. Come il Sesto Dito Robotico, dispositivo in grado di aiutare persone colpite da ictus a compensare la funzionalità delle mani. “Per chi non può muovere un arto, afferrare una bottiglia diventa un problema. Il congegno crea una presa ibrida fra il braccio e un dito robotico, consentendo di svolgere tutti i task manuali”, spiega Domenico Prattichizzo, docente di Robotica dell'Università di Siena, che ha presentato anche il progetto di comunicazione per ciechi Wearhap, per riprodurre sensazioni tattili nello spazio e nel tempo.

Proposti, invece, dall’Istituto di Biorobotica della Scuola Sant’Anna, esoscheletri a più gradi di libertà, studiati per assistere o accrescere i movimenti di persone con disabilità motorie. ”Strumenti che restituiscono mobilità anche ad anziani affetti da sarcopenia”, ribadisce Nicola Vitiello, professore presso la Scuola Superiore Sant’Anna (SSSA) di Pisa. “Le patologie legate al cammino e alla funzionalità degli arti superiori sono tra le più devastanti nella popolazione degli anziani. Abbassano il tenore di vita, aumentandone la mortalità”.

Fra i vincitori dell'VIII edizione di “MaKetoCare”, contest lanciato per trovare soluzioni hi-tech in grado di aiutare chi vive con disabilità, l'esoscheletro riabilitativo messo a punto da Mattia Strocchi (18 anni) studente di elettronica dell’ITI di Ravenna. Si chiama Orion ed è un tutore applicabile agli arti, comandato dagli impulsi muscolari con un elettromiografo. Grazie a un doppio dispositivo, aumenta la forza di chi lo indossa.

Premiato anche il team di “Optical Wheelchair”, una sedie a rotelle che si aziona grazie al movimento del volto. Per farlo, usa una video-cam Intel che invia, tramite bluetooth, le informazioni al Pc, il quale avvia un micro-controllore posto nelle ruote. “L’idea è nata pensando ad un nostro amico rimasto paralizzato dopo un incidente”, raccontano i giovani inventori Roberto Lucchisani, Federico Gualdi e Nicholas Silvestri dell'ITTS “Belluzzi da Vinci” di Rimini.

Per gli amanti dell'atletica, in mostra la carrozzina modulabile voluta dal CT della nazionale italiana di atletica paralimpica Mario Poletti, adattabile a diversi tipi di disabilità e dimensioni corporee. “Da quelle di un bambino a quelle di un adulto – assicurano i designer, Michele Bombardieri e Simone Fontanesi – Ad un costo contenuto rispetto ai modelli in commercio”.

Dedicato agli appassionati dell'outdoor invece “Waybration”, un sistema di supporto alla navigazione per atleti ciechi o ipovedenti, che consente di praticare sport come il SUP (Stand Up Paddle), il windsurf o la vela senza accompagnatore. Il segreto sta nella centralina di controllo per il volo “FCU low cost” (Flight Control Unit), dotata di magnetometro, Imu e Gps e usata nell'ambito dei sistemi autonomi e della robotica. Un software per la pianificazione del percorso, eseguito su smartphone o Pc, consente di comporre il percorso di regata, fissandone i waypoint. Connesso ad una scheda Arduino, il sistema invia, tramite moduli radio, segnali a due cavigliere vibranti poste nel Kayak, segnalando allo sportivo la direzione da seguire. A realizzarlo Roberto Colella e Antonio Petitti, con Matteo Fanchini, poliatleta non vedente, campione italiano di Paratriathlon.

All'insegna del turismo sostenibile, infine è la “CCAR – CO2 For All”, dell'Istituto tecnico di Foligno, Spoleto e dell'Università degli Studi di Foligno. Un fuoristrada elettrico ottenuto riadattando un veicolo da golf, disponibile sia per il noleggiato che per escursioni naturalistiche organizzate per turisti disabili. Dotato di un vano posteriore per una carrozzina, è implementato con batterie, pannelli solari e strumenti di guida speciali. Tramite l'App Natura Accessibile, è possibile scaricare la rete di sentieri naturalistici percorribili, come quelli del Parco regionale di Colfiorito o dei centri storici di Foligno, Assisi e Cantalupo. In partenza una campagna di crowdfundig per finanziare nuovi veicoli, per garantire un servizio turistico sostenibile da estendere al resto del territorio.

(Fonte: Redattore Sociale)

Sostienici


Telethon

Registro dei pazienti con malattie neuromuscolari - Onlus

Fish Onlus

Ledha

UILDM GENOVA ONLUS, V.le Brigate Partigiane 14/2 16129 GE
Telefono/Fax: 010.5955405 / 010.5304744
Email: info@uildmge.it